Area Registrati
Per consulenze on LIne
in Video Conferenza
mentecorpo perugia
o contattaci al
347/6449741

Visitare

l'adolescente

non dimentichiamoci che l'apparato genitale maschile è prezioso come quello femminile, ma troppo poco controllato

La visita dall'andrologo ?
pochi minuti che valgono almeno una vita !

Terapia di coppia

E' un tipo di psicoterapia specifico per il trattamento dei disagi della coppia con lo scopo di favorire un ripristino dell'armonia relazionale possibile..

Ció che vive la coppia in crisi è spesso un disagio legato ad una alterata comunicazione fra i due partner tale da non permettere una intesa utile e necessaria per il suo benessere.

La coppia che entra in crisi è fondamentalmente una coppia che comunica male: spesso basta correggere e facilitare questo aspetto relazionale e le cose si aggiustano o comunque viene superato il conflitto rendendo possibile e più accettabile la convivenza.  

Per capire meglio le dinamica che intervengono nella coppia è bene considerare che essa vive di alcune sue peculiarità che la rendono speciale ma anche particolarmente vulnerabile.

Passiamo ora ad indicare quali sono le caratteristiche che rendono la relazione di coppia così diversa e peculiare rispetto agli altri tipi di relazione umana:

1) il vincolo sentimentale, attrattivo, passionale: è il tipo di legame più o meno solido che esiste fra i due. E' la valenza motivazionale più forte per decidere di restare ancora insieme, nonostante il conflitto, la crisi, la spinta a interrompere la convivenza.  Questo è l'elemento più determinante per indurre la coppia, nel suo insieme, a rivorgersi ad un terapeuta della coppia. Prima di avviare una qualsiasi terapia di coppia occorre che questo presupposto sia ben chiaro e dichiarato. Se il vincolo affettivo e la scelta reciproca non sono più così chiari si può intervenire preliminarmente per permettere di chiarificarli e dichiararli. Se però ciò non fosse possibile perchè la motivazione di fondo è diventata irrecuperabile la terapia di coppia non è possbile e si aprirebbe la strada verso la separazione con passaggio di competenza da  quella del sessuologo a quella del mediatore familiare, che per sua definizione aiuta le coppie a separarsi meglio possibile nel rispetto reciproco e degli eventuali figli.

2) la convivenza: implica una condivisione di spazi fisici, tempi, scelte, che inevitabilmente condizionano la vita di entrambi  e che vanno saputi gestire nel rispetto proprio e dell'altro.  

3) la comunicazione: che non può essere superficiale perché indirizzata a creare una intesa senza la quale resta difficile gestire il quotidiano ma anche gli obiettivi reciproci, gli interessi comuni e non, i beni comuni, gli affetti esterni, parentela e amicizie,  i figli e la loro educazione.

4) la confidenza: è il substrato indispensabile per una relazione positiva e piacevole  ed una  vita intima senza disagi e ansie legate alla paura del giudizio dell'altro.  E' necessaria e indispensabile al fine di non rendere la vita di coppia una gabbia in cui ci si ritrovi costretti ad essere sempre all'altezza per non essere giudicati, non liberi di essere pienamente se stessi, non compresi nelle proprie istanze e bisogni, non accettati per quel che si è, e quindi, costretti ad indossare maschere su maschere facendo imposizioni e violenze continue su se stessi.

5) la fedeltà: permette di potersi fidare dell' altro senza chiedere prove e conferme. La gelosia è uno degli aspetti più torbidi della vita di coppia e potenzialmente il fattore più delicato e più disturbante per il benessere della coppia. A causa di una  gelosia esasperata e repressiva, spesso immotivata e frutto solo delle proprie insicurezze, si consumano, purtroppo, molte intese di coppia. Una gelosia irrefrenabile, ostile e ossessiva produce tormenti e disagi così profondi da trasformare la coppia in un ambito di sofferenza e castrazione tale da portarla inevitabilemnte verso la rottura.

Tutti questi rappresentano i punti di forza e di vulnerabilità della coppia. Proprio per questo la Terapia di Coppia rappresenta un tipo di intervento psicoterapeutico molto particolare da svolgere con perizia e competenza da parte di Psicoterapeuti, tra cui i Sessuologi-terapeuti, competenti nella materia della Terapia di coppia. Vanno sapute, infatti, gestire insieme istanze diverse e a volte contrastanti, dei due componenti, riuscendo a trovare punti di equilibrio da far accettare e condividere in una ottica utile ad una intesa su basi nuove negoziate e favorevoli ad entrambi.
Per questo, rispetto ad altri tipi di relazioni, la coppia richiede interventi terapeutici molto specifici e strategici che richiedono competenze mirate ed esperienza nel saper intrevenire contemporaneamente su e con individualità distinte e spesso contrapposte, se non nelle intenzioni, almeno nelle conseguenze del loro agire.

Nel trattamento di una coppia ci troviamo dinanzi ad una psicoterapia rivolta simultaneamente a due persone anche quando sono trattate in tempi diversi e sedute separate ed è necessario che  il terapeuta sappia guadagnarsi la fiducia di entrambi pur sapendo porre al centro dell'intervento il problema emergente per quello che è, evitando di non evidenziarlo per chiarezza ma anche di non farlo pesare per non aggravare sensi di colpa e responsabilità. Di solito ciò si ottiene sapendo individuare bene la problematica  sottostante al disagio dichiarato che spesso è un portato di superficie, se non di comodo almeno per uno dei due, mentre occorre far affiorare le vere ragioni, quelle nascoste e sfuggite ad una percezione spontanea che hanno del malessere i diretti interessati.

Questo primo intervento diagnostico è uno degli scogli più importanti per il  terapeuta in cui si gioca la credibilità e quindi l'affidamento, da parte della coppia, del progetto terapeutico che segue.

Ciò comporta che possono esistere difficoltà raddoppiate proprio perchè le istanze sono doppie come doppie sono le modalità di comunicare, di accettare, interagire e partecipare alla terapia e di relazionarsi fra loro e ognuno di loro con il terapeuta.

L'essere in due comporta anche la possibilità di instaurarsi di resistenze incrociate alla terapia stessa e la tendenza, anche incosapevole, di minare la terapia perchè il suo esito positivo potrebbe essere occasione di recupero di potere o di rivalsa dell'altro.
Se poi si aggiunge anche un disturbo sessuale collegato con il disagio di coppia si potrebbe creare una resistenza al cambiamento per evitare che una volta risolto il problema l'altro se ne potesse approfittare fuori della coppia. ( es. la partner di un uomo con eiaculaizone precoce che resiste alla risoluzione per paura di tradimenti del marito una volta guarito).

Accedere ad una terapia di coppia a volte è l'unica soluzione utile ed efficace per ripristinare una condizione relazionale positiva nell'ambito di una convivenza. L'atteggiamento migliore  per favorirne l'esito è quello di rimettersi in gioco rinunciando a propri modi di essere e di fare specie quelli più irritanti e provocatori ( spesso  ritenuti irrinunciabili perchè facenti parte del proprio carattere e della propria personalità ) se riconosciuti causa di equivoci, tensioni e conflitti. Il terapeuta poi guiderà il cambiamento attraverso piccoli ma efficaci cambiamenti possibili secondo una gradualità che permetta alla coppia di incamminarsi con fiducia verso la soluzione avvertendo però, sin da subito, quel lenti ma evidenti miglioramenti che rendano più accettabile la convivenza e permettano di star sempre un po' più bene con l'altro.

Questa volontà di stare insieme, ovviamente deve permeare tutto il percorso terapeutico: non si può pretendere che una coppia rinasca come tale a dispetto o contro il volere di uno dei due, per cui l' opzione fondamentale pregiudiziale a qualsiasi intervento terapeutico è il desiderio di scegliersi. Una coppia può chiedere al terapeuta più bravo qualsiasi miglioramento della propria intesa ma non certamente il plagio delle scelte personali che motivano la decisione dello stare insieme.

Nel nostro studio operano  varie figure professionali a titolo di terapeuti di coppia per pemettere anche la scelta fra terapeuti diversi per genere ed età a seconda delle preferenze della coppia ma anche delle necessità emergenti durante i primi colloqui con il terapeuta prescelto in un' ottica di intervento in team utile al conseguimento del risultato atteso più rapido ed efficace.